narrazione

Carta intestata

GRUPPO SOPRACRODA

 GRUPPO SOSSAI

ARMONIE: L’AVVENTURA MUSICALE DELLE COMUNITÀ DI BELLUNO

 L’ESTATE IN NATURA ALLA SCOPERTA DELLE MERAVIGLIE

Armonie è la rassegna musicale estiva della nata nel 2011 grazie alla fiducia e la passione delle associazioni di volontariato di Bolzano Bellunese e sulla spinta di alcune figure professionali con lo scopo di valorizzare il Buss del Buson: sconosciuto agli stessi valligiani fino all’arrivo di questi concerti. Ha avuto da subito un enorme successo ed è diventato uno dei momenti più attesi dell’estate Bellunese concorrendo a modificare la percezione del paesaggio.

SHOT6037

La riscoperta del Buss del Buson ed il suo successo hanno permesso alla comunità di Armonie di espandere la necessaria vocazione alla valorizzazione del territorio  e il gruppo di lavoro costituitosi attorno a quest’idea è andato via via scovando ulteriori location ed aree ad alto potenziale di meraviglia; dopo il Buss del Buson si è andati a riscoprire il Pont de la Mortiss, poi Pian de Scala con la cascata della Farsora; e dopo aver letteralmente rivitalizzato Bolzano Bellunese abbiamo fatto un focus sul parco fluviale dell’Ardo nella sua lunghezza ed in seguito nel suo essere circuito coinvolgendo anche le valli di Sopracroda, Col di Roanza ed il versante del Monte Serva. Con l’edizione 2017 si è potuti proseguire con questo modello di coinvolgimento e valorizzazione con altri partner che si rispecchiano nella nostra concezione di turismo culturale, coniugando passeggiate nel verde, locations incantate, scelte musicali inedite , collettività.

20170801_112750

Le comunità limitrofe o analoghe a quella di Bolzano Bellunese ossia i gruppi frazionari hanno infatti iniziato a maturare una sana invidia verso il fermento di Bolzano Bellunese perciò con naturalezza ci siamo trovati a coinvolgerle nella nostra avventura: quest’azione di espansione della coscienza territoriale dal basso, attraverso i concerti alla scoperta di tesori nascosti, ci ha portato oltre gli obbiettivi iniziali e fa emergere una sorta di modello riproducibile e scalabile nel territorio che speriamo di sviluppare.

Intanto, grazie ad Armonie, dal lato opposto della val Belluna è nato anche il Nuovo Teatro al Mut grazie al lavoro appassionato della comunità di Sossai: Il Teatro al Mut si trova lungo un sentiero ritrovato (il Troi del Mut) ricchissimo di terrazzamenti oltre che di panorami ed angoli estremamente poetici; il terrazzamento più grande è stato totalmente ripulito dal rimboschimento ed i muri a secco restaurati e rinnovati dando vita ad una sorta di arena a gradonate perfetta per i nostri concerti e per ospitare uno dei migliori generi inventati da Armonie: la lirica silvestre

.

Ci piace infine sottolineare come la scelta artistica in costante crescita concorra alla credibilità di Armonie. Come non menzionare almeno alcuni tra i musicisti affermati a livello nazionale ed internazionale che sono tornati o saliti da noi, credendo in questa avventura: Chiara Isotto, Domenico Menini, I Solisit Veneti, Myriam dal Don, Soqquadro Italiano, Silvia Bolognesi, Paolo Botti, Pasquale Mirra, Edoardo Marraffa, Gabriele Mitelli, Andrea Belfi, Vincenzo Vasi, Paolo Nori, gli Jashgavronsky Brothers, i Musicanti di San Crispino e molti altri! La linea artistica lascia spazio a generi anche molto diversi tra di loro: per niente si vuole rinunciare al carattere classico ne a quello popolare e soprattutto festoso e per niente si vuole rinunciare a scoprire anche la musica nuova anche strana, e apparentemente poco accessibile ma che merita essere esplorata anche da noi che siamo ai confini del regno e che così tanto meritiamo di sconfinare: con i piedi nella tradizione e le mani per aria.

Luigi Bristot 13-08-172017-08-29-13h43m32s120

Qualche esperienza dalle edizioni passate che ci piace pensare di proseguire: l’attraversamento sonoro della forra preistorica del Buss del Buson, gli assoli di jazz autoriale sull’acqua al Pont de la Mortìs, l’elettronica al rifugio Settimo Alpin e la notte sotto le stelle cadenti al prato del Col di Roanza; inoltre la collaborazione con la fondazione De Conz di San Gregorio nelle Alpi per il coinvolgimento del Summer Camp internazionale, quindi il concerto lirico presso il Teatro al Mut e ultimo ma non ultimo il ferragosto in centro storico presso Palazzo Bembo ad accogliere le frotte di inaspettati ma benvenuti vacanzieri della Valbelluna.

 

CHI SIAMO

La Progettualità di Armonie si fonda sulla spinta delle associazioni di volontariato; fa da capofila il Comitato per gli usi civici di Bolzano e Vezzano che ha lo scopo di amministrare e gestire i beni di uso civico delle frazioni di Bolzano e Vezzano, e in particolare di incrementare e migliorare il patrimonio civico frazionale, promuovere attività e iniziative per lo sviluppo economico e culturale delle comunità frazionali.

Alla realizzazione di Armonie concorre l’ABVS di Bolzano Bellunese, composta da volontari del sangue che oltre a puntare sulla salute, punta nel territorio e nella cultura attraverso svariate attività per divulgare una sana (nel vero senso del termine) vocazione volontaristica.

Armonie annovera inoltre la presenza Ricreativa che vanta una ricca attività di valorizzazione e animazione (da san Nicolò al corso di sci, dalla festa di primavera alle mostre e non solo) e che opera sul territorio a vari livelli da diverse generazioni.

Immediato e fondamentale è stato l’apporto del CAI sezione di Belluno che ha riconosciuto in Armonie una modalità irrinunciabile di promozione della vita e dell’attività in montagna.

Il gruppo di Sopracroda e il gruppo di Sossai sono analoghi gruppi frazionali che ci hanno seguiti in questa avventura; Notevole il lavoro del gruppo di Sossai che proprio grazie alla spinta dei concerti di Armonie ha risistemato ripulito e svelato il gioiello del Nuovo Teatro al Mut traendolo da un vecchio terrazzamento attraverso operazione di archeologia rurale davvero pregevole.

La coordinazione e curatela è ad opera di Elisa Marchese: laureata in Dams lavora come operatrice culturale da oltre 10 anni presso l’Ateliersi di Bologna oltre a tornare a sperimentare nel territorio d’origine. Cura parte della direzione artistica e coordina le proposte: per il 2018 si prevede il coinvolgimento di Domenico Menini originario proprio di Sossai per la programmazione al Troi del Mut, di Marino Casagrande (CAI Belluno) per la programmazione del Buss del Buson, e dell’ABVS di Bolzano Bellunese per il concerto al Settimo Alpini

IMG-20170721-WA0000

 

@                   info.busdelbuson@gmail.com

fb                   Auditorium di Pietra

tw                  BBuson

fl.kr                BBuson